4 Settembre 2019

Tamkevičius: il cardinale venuto dal GULag

Paolo Polesana

Era stato uno dei protagonisti della resistenza lituana al totalitarismo sovietico, aveva fondato il bollettino d’informazione più longevo del samizdat: padre Sigitas Tamkevičius è stato nominato cardinale. Il lager e le sanzioni amministrative non lo avevano mai fermato. Testimone di una fede umile e indomabile.

Fra i prelati che Sua Santità creerà cardinali nel prossimo concistoro ci sarà mons. Sigitas Tamkevičius, l’arcivescovo emerito di Kaunas. L’ambasciatore lituano presso la Santa Sede, Petras Zapolskas, ha commentato la notizia dicendo che la nomina a cardinale «rappresenta al contempo il riconoscimento di meriti personali ed un tributo alla storia della Lituania» e che l’arcivescovo «è probabilmente il miglior riflesso della storia lituana nel suo clero». Anche il presidente Gitanas Nausėda ha menzionato la sua determinazione durante l’occupazione sovietica nella lotta per la libertà di parola e di coscienza religiosa.

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Paolo Polesana

Dopo la laurea all’università statale di Milano, ha conseguito il dottorato in fisica a Como e ha lavorato nei laboratori laser dell’università di Vilnius (Lituania). Ora è sacerdote diocesano a Bergamo e insegna religione alle scuole superiori. Da diversi anni collabora con l’Associazione Russia Cristiana.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI