21 Marzo 2016

Evgenija Ginzburg: la vertigine del vero

DI Delfina Boero

Comunista esemplare caduta in disgrazia sotto Stalin, Evgenija Ginzburg conobbe i lager sovietici e fu tra i pionieri della letteratura del GULag.

Il suo romanzo Viaggio nella vertigine, uno fra i testi più letti del samizdat, ebbe successo anche in Occidente. Dalle pagine del suo libro e dalle testimonianze di amici, familiari e letterati, l’avventura spesso contraddittoria, di una donna che con fatica si libera dall’ideologia e scopre la realtà.

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Delfina Boero

È ricercatrice presso la Fondazione Russia Cristiana. Fra i suoi interessi, la storia e la cultura della Repubblica Democratica Tedesca, la vita religiosa e culturale in URSS, nella Federazione Russa e nelle ex Repubbliche sovietiche.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI