22 Febbraio 2021

Insieme per dare ragione al mondo della nostra speranza

Paolo Pezzi

Cinque anni fa, a Cuba, si incontravano per la prima volta nella storia il primate della Chiesa cattolica e della Chiesa russa ortodossa. Molti si chiedono se l’incontro abbia dato frutti. Risponde l’arcivescovo Paolo Pezzi. (Intervista di Pavel Korobov, Kommersant).

Qual è stata l’importanza dell’incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill?
È stato sicuramente un evento storico, che ha portato a un nuovo livello i rapporti fra noi. Non a caso le prime parole della Dichiarazione comune sottolineano la cosa principale, e cioè che l’incontro ha avuto luogo «per volontà di Dio Padre», e non per motivi contingenti. E poi, un’altra espressione della dichiarazione: «ci siamo ritrovati come fratelli nella fede cristiana», e soprattutto l’immagine stessa, la testimonianza del loro abbraccio fraterno costituiscono una vera pietra miliare sul cammino verso l’unità, che fa nascere nel cuore un’enorme gratitudine. Quel tipo di gratitudine che ti aiuta a svegliarti al mattino e ad affrontare di nuovo le situazioni difficili.

(fonte: Kommersant)

Approfondimenti

La recente conferenza cattolica-ortodossa sulla «Chiesa e la pandemia»:

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Paolo Pezzi

Dal 2007 arcivescovo metropolita della Madre di Dio a Mosca. Ordinato sacerdote nella Fraternità sacerdotale dei missionari di S. Carlo Borromeo, ha svolto gran parte della sua attività pastorale in Russia, dal 1993 a Novosibirsk, poi nella Russia europea, come rettore del Seminario cattolico a San Pietroburgo.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI