4 Marzo 2021

Incontro tra islam e cristiani: una rivoluzione che tutti aspettavano

Wael Farouq

Abbiamo chiesto al professor Farouq, docente di letteratura araba all’Università Cattolica, cosa pensa lui musulmano dell’iniziativa dei suoi confratelli in Russia, che hanno tradotto l’enciclica Fratelli tutti. Nelle sue parole c’è il mondo visto da una nuova angolatura.

L’occasione della nostra intervista è doppia: il viaggio del papa in Iraq e la presentazione, al Centro culturale Biblioteca dello spirito di Mosca, dell’enciclica Fratelli tutti tradotta in russo per iniziativa della Direzione spirituale dei musulmani della Federazione russa.
L’introduzione scritta dall’imam Damir Muchetdinov, vicepresidente della Direzione spirituale, è un documento straordinario, spalancato all’incontro con l’altro. Volevo chiederle se la mia impressione di grande novità è esatta, ad esempio là dove si dice che la Fratelli tutti è «una tappa senza precedenti nel dialogo interreligioso». Secondo lei ci sono già stati momenti simili di dialogo e di riscoperta reciproca?

Incontro tra islam e cristiani a Mosca: una rivoluzione che tutti aspettavano

La conoscenza reciproca tra musulmani e cristiani è molto antica; la conoscenza tra i leader religiosi c’è sempre stata perché in tutto il mondo cristiani e musulmani hanno sempre convissuto, e magari si sono combattuti. Ma la rivoluzione che secondo me ha fatto il papa non consiste solo in questa enciclica, risale a tanti anni fa, da quando ha cominciato a trattare in modo nuovo i migranti musulmani in Italia, e poi ha incominciato a visitare i paesi islamici.

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Wael Farouq

Docente di lingua araba presso la Facoltà di scienze linguistiche e letterature straniere dell’Università Cattolica di Milano. È stato docente di lingua e letteratura araba all’Università Americana del Cairo, Straus Fellow allo Straus Institute for the Advanced Study of Law and Justice dell’Università di New York e vice-presidente del Meeting del Cairo. Ha al suo attivo  diversi saggi di islamistica e letteratura araba.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI