29 Giugno 2018

I dolori del parto, o i nodi dell’autocefalia ucraina

Vladimir Zelinskij

Il problema dell’indipendenza da Mosca della Chiesa ortodossa ucraina è un nodo di Gordio apparentemente inestricabile. Ma non è solo questione di interessi politici contrastanti. Qual è il giudizio di fede? Un teologo russo risponde.

«Una donna che deve partorire, quando viene il suo momento, soffre molto» (Gv 16, 21). Se l’ortodossia nel suo insieme fosse una donna-madre, la nascita di ogni sua figlia – una Chiesa autocefala, – non sarebbe mai avvenuta senza dolore. Molto raramente la madre vuole dare l’indipendenza alla figlia senza pressioni, tensioni o costrizioni politiche. Per lei è come recidere una parte del proprio corpo. Ma con l’autocefalia ucraina le cose sono particolarmente complicate. Prima di tutto perché questa Chiesa, che non è ancora nata, ha due madri che hanno motivi propri per considerarsi legittime: la madre antica, quella di Costantinopoli e la madre nuova, quella di Mosca.

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Vladimir Zelinskij

Sacerdote ortodosso (Esarcato russo del Patriarcato di Costantinopoli), è filosofo, teologo e traduttore. Dal 1991 vive in Italia, ha insegnato lingua e civiltà russa all’Università cattolica di Brescia e di Milano.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI