24 Ottobre 2016

Hannah Arendt e la rivoluzione ungherese

Sante Maletta

L’agire insieme, il recupero di un soggetto autonomo capace di incidere sulla realtà, hanno fatto della rivolta di Budapest una novità sul piano storico. Una svolta che le categorie degli storici non erano pronte ad analizzare. Hannah Arendt ci aiuta a passare dalla cronaca dei fatti alla loro ragione profonda. Una ragione antitotalitaria.

La lettura dell’articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login o abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Sante Maletta

Professore associato di Filosofia della politica presso l’Università di Bergamo. Fa parte dell’International Society for MacIntyrian Enquiry e della Società italiana di filosofia politica ed è segretario dell’Associazione Prologos. Tra le sue pubblicazioni, volumi sul pensiero di M. Heidegger, H. Arendt, A. MacIntyre. In uscita per i tipi di Mimesis Il soggetto dif-ferente. Peripezie della responsabilità (Milano 2017).

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
Tags:

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI