Portale di informazione indipendente

Furto con scasso negli archivi

Quarant’anni fa dei giovani dissidenti tentarono di applicare all’ambito scientifico il richiamo a «vivere senza menzogna». Ne nacquero delle raccolte storiche clandestine di enorme valore, anche metodologico.

Nell’ampio panorama dei testi samizdat pubblicati a cavallo tra gli anni ‘70 e ‘80, l’almanacco storico Pamjat’ (Memoria) merita certamente un posto speciale, per la sistematicità, il rigore e la profondità del suo contributo. Il titolo Memoria rappresentava a tutti gli effetti la dichiarazione programmatica degli autori-redattori – tra cui ricordiamo l’allora trentenne Arsenij Roginskij, tra i futuri fondatori di Memorial – oltre che l’orizzonte ideale a cui essi tendevano nel loro lavoro. Cosa accade quando tutta la società viene colpita da amnesia? – si domandavano nella prefazione al primo numero. L’amnesia è una malattia grave, l’individuo perde la percezione della continuità con il passato, il legame con esso: perde ogni consistenza, diventando inerme e malleabile. La storia viene soppiantata dal mito, la verità si perde, annacquata nella menzogna.

Tentativo degli autori di Pamjat’ è allora quello di «salvare dall’oblio tutti i fatti e gli eventi storici condannati a scomparire, soprattutto i nomi delle vittime, delle persone vessate, calunniate; ma anche quelli dei carnefici, dei delatori, dei denigratori». Dal 1976 al 1981, anno dell’arresto di Roginskij, escono clandestinamente cinque volumi di circa 800 pagine dattiloscritte l’uno, in cui vengono pubblicati studi e memorie su vari aspetti della storia russa del XX secolo: storia dei partiti politici, dossier sulle repressioni, studi sulla scienza sovietica, sulla diplomazia, documenti di archivi privati e statali, di cui era proibita la pubblicazione. Gli stessi volumi saranno pubblicati anche negli Stati Uniti dal 1978, sotto la cura editoriale di Natal’ja Gorbanevskaja.

Un tentativo di «vivere senza menzogna» – secondo l'espressione di Solženicyn – che non si limita solo alla pubblicazione di materiali dimenticati o proibiti, ma che riguarda il metodo stesso di lavoro: l’indagine storico-scientifica rigorosa, il tono sobrio, la minuziosa revisione dei testi pubblicati, la verifica delle fonti, sono già segno di diversità rispetto a una storiografia ufficiale capziosa, menzognera e negligentemente «smemorata».
Il volume L’almanacco storico Pamjat’ – Materiali e studi [1] recentemente pubblicato in Russia dalla casa editrice NLO, costituisce il primo studio dedicato all’esperienza di Pamjat’. Oltre a due saggi introduttivi, uno della storica canadese Barbara Martin e l’altro di Anton Svešnikov, sul contesto storico, storiografico, e sulla storia editoriale, contiene sei interviste agli ex-redattori; per mezzo di questo materiale inedito i curatori cercano di tirare un bilancio di tale esperienza. E tuttavia, oltre alla volontà di produrre un’opera storico-scientifica di valore, ci pare di scorgere nella pubblicazione del volume qualcosa di più: un monito discreto alla società e alle coscienze contemporanee. E forse per la Russia odierna – ma non solo, – in cui spesso la memoria storica cede il passo al gossip, agli umori di pancia e alle passioni politiche, diventando così strumento nella mano del potere di turno, il richiamo alla sobrietà e all’oggettività che l’esperienza di Pamjat’ testimonia, può davvero costituire una medicina preziosa e salutare.


NOTE
[1] Исторический сборник "Память". Исследования и материалы, NLO, Moskva 2017, a cura di B. Martin e A. Svešnikov, pp. 400.
key-words: Pamjat’, Roginskij

Articoli correlati
Černobyl’: chi si ricorda?StoriaTrent’anni da una tragedia le cui dimensioni, e le vittime, non sono ancora del tutto misurate. Ma la sua memoria non fa parte della “retorica ufficiale”. Gli ucraini provano rassegnazione o vergogna. Altri riscoprono un inatteso attaccamento.
Autore:
Dell’Asta Caterina
Mosca: nuovi squadristiSocietàUn attacco a colpi di vernice in faccia: in 17 anni il concorso di Memorial per gli studenti non era mai stato attaccato fisicamente. Il punto di scontro è la storia: chi ama la grandezza di Stalin e chi usa la coscienza critica. E il paese si divide.
Autore:
Kondratova Anna
Vittime e carnefici: perché viva la memoriaStoriaIl punto dello scontro, oggi in Russia, è sulla memoria. Dalla sua autenticità dipende il giudizio sul presente e il futuro. Lo sdoganamento dello stalinismo come modello per il paese. E proprio sulla storia si concentra il lavoro dei nuovi dissidenti.
Autore:
Bonaguro Angelo
Le miniere-lager dell’uranio socialistaPercorsi della memoriaIl museo-memoriale di Milín-Vojna è un esempio dei campi di lavoro coatto per l’estrazione dell’uranio inviato in URSS, attivi in Cecoslovacchia durante l’epoca comunista.
Autore:
Bonaguro Angelo
Come far diventare la sede dei Servizi Segreti un monumento storicoSocietàNessuna condanna morale del passato. La debolezza dell’opinione pubblica fa sì che sotto gli occhi di tutti i delitti del totalitarismo perdano ogni connotato morale. Quindi sono ripetibili.
Autore:
Epple Nikolaj
Il contadino, «nemico feroce del socialismo»StoriaL’Istituto ceco per lo studio dei regimi totalitari ha allestito, presso il Museo agrario di Praga, la mostra Rozkulačeno, «Dekulakizzato», dedicata a «50 anni di persecuzione del mondo rurale». Resterà aperta sino a fine settembre.
Autore:
Bonaguro Angelo