Portale di informazione indipendente

Il dissenso: coscienza critica della rivoluzione

I cambiamenti epocali prodotti dalla Rivoluzione d’ottobre hanno investito l’uomo, e il fenomeno del dissenso è stato un vero passo di liberazione. A partire dall’uomo. Un dialogo in margine alla mostra “Russia 1917”: il caso del dissenso ceco.

Il 25 ottobre 1917 si compiva un rivolgimento poi chiamato «rivoluzione d’ottobre», un punto di non ritorno per la Russia e per la civiltà umana. A un secolo di distanza la riflessione su di essa è ancora difficile, in Russia come in Europa. Proponiamo il testo dell'incontro tenuto al Meeting di Rimini tra Sante Maletta e Adriano Dell'Asta.

(…)La mostra sulla rivoluzione del 1917, allestita al Meeting di Rimini, insiste sull’aspetto ideologico del comunismo, sul fatto che il comunismo è un’ideologia e che, come tutte le ideologie, parte dalla negazione dei dati più elementari della realtà con l’idea che così sia possibile costruire un mondo perfetto dove la libertà e la felicità saranno finalmente realizzate. Ebbene, il livello della sfida che questi dissidenti praticano è proprio l’idea che anzitutto occorre salvare la realtà. Occorre opporsi alla menzogna ideologica, ma per farlo non è sufficiente smascherarla e denunciarla, bisogna vivere e testimoniare la verità anzitutto con la propria vita. Ecco perché il loro punto di partenza non è in primo luogo politico, ma morale e culturale.
C’è un’altra cosa che questi autori capiscono, apparendo addirittura presuntuosi visto il loro numero esiguo e la scarsa capacità di incidenza politica e sociale. Erano persone che agivano all’interno di un sistema totalitario, dove la minima espressione di dissenso o semplicemente di libero pensiero veniva duramente repressa. Ebbene, queste persone capiscono che dietro il comunismo, dietro il marxismo, c’era un problema che riguardava non solo i paesi comunisti ma tutta l’Europa. E siccome per loro l’Europa era il punto più alto di consapevolezza a cui l’umanità era giunta fino ad allora, questo problema riguardava tutta l’umanità. Era il problema del nichilismo.



APPROFONDIMENTI SUI "100 ANNI DALL'OTTOBRE"
Russia 1917: il Magnificat o il suicidio di un popolo?
La Chiesa libera e il Concilio
Segno di contraddizione
La lettura dell'articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login oppure abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Articoli correlati
Russia 1917: il Magnificat o il suicidio di un popolo?StoriaApriamo un dibattito pubblicando l'introduzione del libro «Russia 1917, il sogno infranto di "un mondo mai visto"», catalogo della mostra che la Fondazione Russia Cristiana presenta quest’anno al Meeting di Rimini.
Autore:
Redazione
La Chiesa libera e il ConcilioStoriaUno dei punti deboli della storiografia è l’assenza della Chiesa nel panorama della rivoluzione russa. Berdjaev ci offre una visione diversa: al cuore del sogno di liberazione sta «la religione come fatto universale, come pienezza di tutto».
Autore:
Berdjaev Nikolaj
I dissidenti avevano capitoEditoriale
La fatica della memoria e il grande centenarioSocietàOgni paese ha qualche zona d’ombra nel proprio passato, con cui evita di fare i conti. Ma il giudizio sul passato è la chiave di volta del futuro. Nikolaj Epple traccia il parallelo tra le «politiche della memoria» di vari paesi occidentali.
Autore:
Epple Nikolaj
Il mondo «borghese» e il mondo «socialista»StoriaContinuiamo a pubblicare i giudizi dei filosofi russi che hanno capito la rivoluzione al suo nascere. Qui Berdjaev scrive nel dicembre del 1917*.
Autore:
Berdjaev Nikolaj
Come si torna alla storiaStoriaIl sogno di dedicare un monumento alle vittime del comunismo nacque negli anni ’80, alimentato dalle speranze di molti. Il lungo tragitto si è concluso quest’anno con l’inaugurazione del «Muro del dolore» a Mosca. Ne raccontiamo la storia.
Autore:
Redazione