Portale di informazione indipendente

Russia martire

La Chiesa ortodossa dal 1917 al 1941.

L’autrice ha accesso a materiali d’archivio fino a poco tempo fa sconosciuti ed è in grado di offrire un quadro lucido, complesso e spietato degli eventi che hanno coinvolto la Chiesa ortodossa russa dalla rivoluzione bolscevica del 1917 fino al 1941. In tale quadro emergono da un alto i subdoli mezzi utilizzati dal potere per eliminare la Chiesa: scismi montati ad arte, campagne diffamatorie, persecuzioni e purghe e, dall’altro il dramma degli uomini di Chiesa tra i quali troviamo personaggi lacerati, indotti in tentazione, piegati ad umilianti compromessi e dall’altra parte fulgidi testimoni della fede fino alla effusione del sangue. Ed è soprattutto a questa immensa schiera di “martiri e confessori” che guardiamo oggi con speranza per il futuro della chiesa stessa e del dialogo ecumenico.

Ol’ga Vasil’eva, dottore in storia e ricercatrice presso l’Accademia delle Scienze russa, appartiene alle nuove generazioni di studiosi che si trovano oggi a dover riscrivere la storia nazionale dopo decenni di sistematiche mistificazioni; in particolare, la studiosa ha focalizzato il problema dei rapporti Chiesa-Stato nel periodo sovietico, pubblicando in Russia una considerevole mole di materiali inediti d’archivio.

Ol’ga Vasil’eva
pp. 256, ed. 1999

Potrebbe interessarti anche...

Una via per incominciare.

StoriaIl dissenso in URSS dal 1917 al 1990
13,00 €

Solovki. Le isole del martirio

StoriaDa monastero a primo lager sovietico
14,46 €

La croce e il potere

StoriaLa Chiesa russa sotto Stalin e Chruščev
14,00 €