Portale di informazione indipendente

La libertà religiosa nell’Unione Sovietica

L'autore analizza la normativa ordinaria e costituzionale 
sovietica in materia di rapporti tra Stato e Chiesa e pone in evidenza i vincoli che limitano in modo irrimediabile 
l'esercizio della libertà religiosa. Da questa indagine emerge il chiaro disegno di creare 
una società senza Dio e contro Dio, ma emerge altresì una profonda speranza, poiché la Chiesa, pur attraversando 
un periodo di sofferta catarsi, riesce attraverso le sue 
forze più vive a proporre il suo antico messaggio di salvezza 
a difesa della persona e della sua libertà.
Giovanni Codevilla (1941), già assistente alla Cattedra di Diritto Ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza 
dell'Università Cattolica del S. Cuore di Milano, è stato professore 
associato di Diritto dei Paesi socialisti nella Facoltà
di Scienze Politiche dell'Università di Trieste.

Codevilla Giovanni
La libertà religiosa in Unione Sovietica
pp. 234, ed. 1985

Potrebbe interessarti anche...