Portale di informazione indipendente

Alle fonti

Le icone dell’ecumene cristiana

Per il 2010 il libro-calendario propone un tema che ci riporta alle origini della cristianità: una monografia dedicata alle icone più antiche (non escludendo naturalmente mosaici e affreschi coevi), sia di area bizantina, sia di area romana. Nel calendario figurano infatti le più antiche e celebri icone sinatiche, del VI-VII (Cristo Pantocratore, Madre di Dio in trono, San Pietro e così via), e le altrettanto antiche icone di Roma (tra cui l’icona della Madonna in Santa Maria Nova, la «Salus Populi romani»): le loro consonanze, i parallelismi che balzano evidenti come pure le specificità di ogni singola opera sono una testimonianza tangibile della radice unitaria della fede cristiana e dell’irripetibile creatività che da essa sgorga.
L’opera si propone di illustrare la comune base culturale e religiosa su cui si innesta con il passar del tempo la pluriformità di tradizioni dell’arte e della cultura cristiana. Per questo risulta interessante sia il rapporto dell’arte cristiana con l’eredità del mondo antico, sia il nesso Oriente-Occidente, sia (per l’Italia) la continuità e la ripresa di tale tradizione in ambito più specificamente locale.
Il libro-calendario è curato da Maria Cristina Andaloro, una studiosa di fama mondiale, tra i migliori specialisti in materia, che unisce una profonda comprensione del significato culturale e religioso dell’immagine sacra a un’indubbia serietà e rigore scientifico.
I testi sono di Maria Cristina Andaloro, Chiara Bordino, Maria Raffaella Menna, Daniela Sgherri.

M. Andaloro
(a cura di C. Bordino, M. Menna, D. Sgherri, G. Bordi)
Alle fonti. Le icone dell’ecumene cristiana
pp. 50, ISBN 978-88-87240-85-6, ed. 2009