Portale di informazione indipendente

Con gli occhi del cuore

La pittura di Elena Čerkasova

«I magi sentirono nostalgia, non volevano più le solite cose. Erano abituati, assuefatti e stanchi degli Erode del loro tempo. Ma lì, a Betlemme, c’era una promessa di novità, una promessa di gratuità. I magi poterono adorare perché ebbero il coraggio di camminare e prostrandosi davanti al piccolo, prostrandosi davanti al povero, prostrandosi davanti all’indifeso, prostrandosi davanti all’insolito e sconosciuto Bambino di Betlemme, lì scoprirono la Gloria di Dio» (Papa Francesco, 6 gennaio 2017).
Lo stesso viaggio dei magi – il viaggio del cuore umano carico di nostalgia di Dio e proteso a ricercarlo ovunque – è il protagonista dell’opera pittorica di Elena Čerkasova, un’artista russa che nel 2017 per la prima volta espone in Italia le sue opere. In esse, attraverso uno sguardo carico di stupore e un linguaggio innovativo e tradizionale al tempo stesso, emerge la scoperta del «cuore» come nucleo centrale della persona, coscienza del reale nella profondità del mistero da cui ha origine, secondo una tradizione molto viva nell’Oriente cristiano.
Una tradizione che appartiene in realtà alla Chiesa fin dalle sue origini, e che siamo stati aiutati a riscoprire anche noi, in Occidente, da testimoni come don Luigi Giussani («L’attrattiva che tutte le circostanze hanno è qualcosa di provvisorio che rimanda all’attrattiva definitiva e ultima della grande Presenza»); e padre Romano Scalfi («Il vero, il buono, la bellezza è incontrare Cristo in ogni situazione, per capire che veramente è Lui il fulcro della vita»).

Testi di E. Čerkasova, M. Kukin, B. Levickij e G. Parravicini
pp. 48, ed. 2017
coedizione La Casa di Matriona-Itaca