Portale di informazione indipendente

Memoria

Una memoria difficile per la Lituania

Storia
Autore:
Polesana Paolo

Un piccolo paese che si è sempre distinto per il coraggio indomabile, l’amore alla libertà, l’attaccamento alla sua Chiesa, è chiamato oggi ad affrontare la difficile memoria dei casi di complicità nell’Olocausto. Uno «scandalo» che può purificare.

Dagli archivi segreti ucraini: il KGB e la grande carestia

Storia
Autore:
Bonaguro Angelo

Due informative del KGB sulla «propaganda occidentale» che rompeva il muro di silenzio su uno dei peggiori crimini staliniani: la carestia degli anni Trenta, che provocò milioni di morti e resta fonte di discussione e scontro politico.

Bielorussia: difendiamo i nostri morti

Società
Autore:
Strocev Andrej

Kuropaty è un luogo terribile: ci riposano oltre 100mila fucilati. Ma il business post sovietico ci vuole costruire degli uffici. E i bielorussi, figli dell’ultimo regime comunista d’Europa, si oppongono. Inattesa rinascita di una società civile.

Elaborazione del lutto. I vivi e gli insepolti

Storia
Autore:
Sedakova Ol'ga

Una serata al Centro Culturale di Milano ha inaugurato i lavori sul centenario della rivoluzione russa, iniziata appunto nel febbraio-marzo. O. Sedakova ha affrontato uno dei nodi profondi, la presenza incancellabile dei morti. Ecco il suo intervento.

Testimoni silenziosi: Charles de Foucauld e i prigionieri del GULag

Storia
Autore:
Dell'Asta Marta

Il 1° dicembre 1916 veniva ucciso Charles de Foucauld. La sua testimonianza muta e inerme ricorda la testimonianza di alcuni credenti nel Gulag. Anche loro immersi in un mondo ostile che non lasciava spazio alla parola, ma riconosceva la misericordia.

Damnatio memoriae e ritorno alla vita

Società
Autore:
Sedakova Ol'ga

Come ogni anno, il 29 ottobre a Mosca, presso la Pietra delle Solovki, l’associazione «Memorial» ha organizzato l’azione detta «Restituzione dei nomi», memoria delle vittime delle repressioni politiche. A che scopo? Ce lo racconta la poetessa O. Sedakova.

Le avventure dei testi scritti in clandestinità

Storia
Autore:
Bonaguro Angelo

La mostra «Dalla censura e dal samizdat alla libertà di stampa», allestita presso l'Università degli Studi di Milano, è stata un'occasione per conoscere una delle modalità di espressione della grande stagione del dissenso.

Brno: dalla «marcia della morte» all’anno della riconciliazione

Storia
Autore:
Bonaguro Angelo

Un’iniziativa ceco-tedesca per la riconciliazione tra i due popoli, a 70 anni dalla «marcia della morte» di Brno. «L’indifferenza verso gli altri e verso il destino comune apre la porta al male». La testimonianza della scrittrice Kateřina Tučková.

Il silenzio di Svetlana Aleksievič e la solitudine dell’uomo

Letteratura
Autore:
Sedakova Ol'ga

Capire l'anima dell'«uomo rosso», centro dell'opera di Svetlana Aleksievič, vuol dire trovare la chiave per capire l'uomo russo di oggi. La grande letteratura sa comporre i particolari per offrire l'intuizione dell'insieme.

Il contadino, «nemico feroce del socialismo»

Storia
Autore:
Bonaguro Angelo

L’Istituto ceco per lo studio dei regimi totalitari ha allestito, presso il Museo agrario di Praga, la mostra Rozkulačeno, «Dekulakizzato», dedicata a «50 anni di persecuzione del mondo rurale». Resterà aperta sino a fine settembre.

Le miniere-lager dell’uranio socialista

Percorsi della memoria
Autore:
Bonaguro Angelo

Il museo-memoriale di Milín-Vojna è un esempio dei campi di lavoro coatto per l’estrazione dell’uranio inviato in URSS, attivi in Cecoslovacchia durante l’epoca comunista.

Vittime e carnefici: perché viva la memoria

Storia
Autore:
Bonaguro Angelo

Il punto dello scontro, oggi in Russia, è sulla memoria. Dalla sua autenticità dipende il giudizio sul presente e il futuro. Lo sdoganamento dello stalinismo come modello per il paese. E proprio sulla storia si concentra il lavoro dei nuovi dissidenti.

Mosca: nuovi squadristi

Società
Autore:
Kondratova Anna

Un attacco a colpi di vernice in faccia: in 17 anni il concorso di Memorial per gli studenti non era mai stato attaccato fisicamente. Il punto di scontro è la storia: chi ama la grandezza di Stalin e chi usa la coscienza critica. E il paese si divide.

Černobyl’: chi si ricorda?

Storia
Autore:
Dell’Asta Caterina

Trent’anni da una tragedia le cui dimensioni, e le vittime, non sono ancora del tutto misurate. Ma la sua memoria non fa parte della “retorica ufficiale”. Gli ucraini provano rassegnazione o vergogna. Altri riscoprono un inatteso attaccamento.