Portale di informazione indipendente

Un pensiero semplice, in mezzo alle polemiche

Perché la Chiesa russa non mostra un po’ di compassione per i milioni di suoi ex figli e non dona loro una Chiesa canonica, per amore della loro salvezza eterna? Al di là delle tempeste politiche o canoniche, perché non decidere di avere compassione?

Non vorrei stuzzicare i lettori russofoni con i miei discorsi, ma c’è nella storia dell’autocefalia ucraina un particolare su cui nessuno, fra quanti scrivono con intelligenza, con rabbia, con micidiale ironia, ha pronunciato una sola parola. Questo particolare si potrebbe definire: il fattore umano nella sua dimensione soteriologica.

Dal punto di vista delle Chiese canoniche tutte le altre non canoniche in pratica non esistono. Qualsiasi spazio occupino sulla terra, per quanta popolazione possano coinvolgere, sono prive della Grazia, cancellate dal mistico libro della salvezza.

Tra i cattolici, per fare un esempio, quando celebra un sacerdote sospeso a divinis (magari perché si è sposato) il suo sacramento è valido, anche se illecito. Gli ortodossi queste sottigliezze non le considerano; una Chiesa non canonica è una congrega separata, i suoi sacramenti non sono sacramenti, la sua liturgia è un teatrino liturgico. In tal modo, dal rigido punto di vista della canonica Mosca, milioni di cristiani ucraini sono tagliati fuori dalla Chiesa e dalla salvezza. Sono come pecore che non hanno pastore ma credono di averlo.
«E cosa impedisce loro di tornare nel grembo della Chiesa canonica, della nostra metropolia di Kiev?», di solito segue questa domanda semi-retorica. Lo sapete anche voi cosa glielo impedisce, e sapete anche che con voi non torneranno più.

E allora perché la Chiesa russa non mostra un po’ di compassione, come Cristo, per i milioni di suoi ex figli e non dona loro una Chiesa canonica, per amore della loro salvezza eterna?
Lo si sarebbe potuto fare venticinque anni fa, ma anche adesso non è troppo tardi.
Al di là delle accuse, delle tempeste politiche malamente coperte dalle tempeste canoniche, storiche e di vario genere, perché non decidere di avere compassione?




Zelinskij

Articoli correlati
Concilio panortodosso. Pro et contraChiesaQuest’anno si celebrerà il Concilio panortodosso. Oggetto di infiniti contrasti politici e interni, è in preparazione da 50 anni. Sarà un passo decisivo per la Chiesa e il mondo. E il banco di prova della sinodalità.
Autore:
Redazione
Santa Maria di ParigiTestimoniIl 31 marzo 1945, nel lager nazista di Ravensbrück moriva, offrendosi per la camera a gas, madre Maria. Poetessa, ex-rivoluzionaria, monaca, oggi è santa Maria di Parigi, e intercede per la Russia e l'Europa.
Autore:
Dell’Asta Adriano
L’ortodossia russa a due mesi da CubaChiesaL’incontro dell’Avana è stato una svolta, sia per i rapporti tra le Chiese, sia per la vita interna dell’ortodossia russa. Come la «pietra d’inciampo» evangelica scopre e mette alla prova le intenzioni profonde, le paure e soprattutto le speranze.
Autore:
Parravicini Giovanna
Liberaci dal vano parlareChiesaIl dono della parola è il più fragile e delicato. È troppo diffuso il «vano parlare», è troppo facile storpiare la lingua, svuotarla, vanificarla. Ma una parola vacua chiude l’accesso alla realtà.
Autore:
Safyan Artemii
Il vento dello SpiritoEditoriale
Cultura dello scisma e cultura della comunioneChiesaL’incontro di Cuba ha toccato corde profonde. Da dove nascono le accuse di eresia degli antiecumenisti? Dalla politica, e da una crisi d’identità che vede nella tragedia dello scisma una necessità storica. Occorre purificare la memoria.
Autore:
Safyan Artemii