Portale di informazione indipendente

«Per il bene della comunità»: Jan Patočka nei documenti della polizia comunista

Si intitola «Per il bene della comunità» un corposo volume dedicato alla figura del filosofo ceco Jan Patočka, basato sui rapporti segreti della polizia politica. Storia di un lungo duello tra lo Stato e un inerme uomo di coscienza.

Il corposo volume di 500 pagine «Per il bene della comunità», dedicato alla figura del filosofo ceco Jan Patočka secondo i rapporti della polizia politica (StB), è stato pubblicato nel 2017 dall'editrice Academia , e curato da Petr Blažek, storico dell'Istituto per lo studio dei regimi totalitari. Il libro, oltre ad una ricca appendice fotografica, riporta decine di informative che vanno dagli anni '60 al 1977 e presentano lo sviluppo dei rapporti tra il filosofo e il mondo del dissenso, fino al tragico epilogo. (…)
Sono sostanzialmente tre i temi che suscitano l'interesse dei vari reparti della StB: i contatti di Patočka con filosofi e pensatori cristiani, le richieste di visto per recarsi a insegnare in università tedesco-occidentali e la sua crescente responsabilità in Charta 77. (…)

Nonostante le pressioni, Patočka trova le forze per elaborare nuovi documenti, rispondere alle domande di corrispondenti stranieri, ricevere visite di conoscenti o sconosciuti interessati all'iniziativa informale, come lo studente Ivo Musil, al quale consegna una copia del documento programmatico di Charta 77 con la sua firma e la dedica che dà il titolo al volume che presentiamo e riassume il senso del suo impegno civile: «Che tutto questo sia per il bene della comunità!».
«L'umanità attuale – scrive in Cos'è e cosa non è Charta 77 –, lacerata dalle ideologie, insoddisfatta in mezzo al benessere, si attende una soluzione da ricette tecniche sempre nuove… Affinché l'umanità possa svilupparsi in modo conforme alle possibilità della ragione (…) occorre qualcosa di radicalmente non tecnico, non mediato, occorre una morale non occasionale o utilitaristica, bensì assoluta. Questo significa che non ci si può attendere la salvezza dallo Stato. (…) Lo scopo di Charta 77 è perciò una solidarietà spontanea (…) di tutti coloro che hanno compreso l'importanza del senso morale per la società reale e il suo normale funzionamento».

(…) Secondo le informazioni raccolte dagli infiltrati della StB tra amici e parenti, sappiamo che Patočka soffriva per l’esclusione dalla vita accademica, sentiva la necessità «del fluidum del contatto col pubblico», per questo aveva l'abitudine di far lezione a gruppi di studenti invitati a casa, incontri che duravano anche 5 o 6 ore, fino a tarda sera. E spesso i familiari lo rimproveravano per il suo stile di vita che rischiava di compromettergli la salute.

La lettura dell'articolo completo è riservata agli utenti abbonati, effettua il login oppure abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

Articoli correlati
Addio a Neubauer, filosofo del dissensoTestimoniÈ scomparso a Praga, il 5 luglio scorso, il professor Zdeněk Neubauer, scienziato e filosofo che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia del dissenso ceco.
Autore:
Bonaguro Angelo
Le avventure dei testi scritti in clandestinitàStoriaLa mostra «Dalla censura e dal samizdat alla libertà di stampa», allestita presso l'Università degli Studi di Milano, è stata un'occasione per conoscere una delle modalità di espressione della grande stagione del dissenso.
Autore:
Bonaguro Angelo
I ragazzi di piazza MajakovskijPercorsi della memoriaTra la fine degli anni '50 e i primi anni '60 un gruppo di ragazzi tenne in scacco l’apparato repressivo del regime sovietico, organizzando una serie di incontri e di letture pubbliche di testi poetici non autorizzati.
La lunga marcia del generale GrigorenkoTestimoniTrent'anni fa moriva il generale Petro Grigorenko (1907-1987), leninista di ferro passato al dissenso, che ha avuto il coraggio di dire a se stesso «ho dato la vita per un falso ideale».
Autore:
Boero Delfina
Havel: «Vivere intensamente» - Diario carcerarioCulturaLa Biblioteca Havel ha pubblicato in fac-simile il diario tenuto dallo scrittore durante la sua prima esperienza carceraria nel 1977. La tentazione del compromesso col regime, la consapevolezza del proprio limite, la riscoperta della responsabilità.
Autore:
Bonaguro Angelo
Irina Ratušinskaja, poetessa della speranzaLetteraturaRiproporre le figure del dissenso non è mai un’operazione rétro ma la verifica che ciò che animava e sosteneva allora quei pochi temerari è vivo e proponibile anche oggi. Per questo ripercorriamo la storia di una giovane poetessa ucraina.
Autore:
Boero Delfina